Calcolatore del volume prostatico basato sulla formula dell eelissoide

Per calcolare in modo preciso il volume prostatico и necessario misurare i 3 diametri della prostata:

In alternativa si puт ricorrere alla formula matematica per il calcolo del volume dell’ellissoide (figura geometrica abbastanza simile alla prostata):

L’esame che viene tipicamente utilizzato per misurare i 3 diametri prostatici и rappresentato dall’ecografia prostatica per via sovrapubica. E’ una procedura completamente non invasiva che viene eseguita utilizzando una sonda ad ultrasuoni “appoggiata” sulla parte inferiore dell’addome. Il paziente deve sottoporsi a questo esame con la vescica piena.

Se avete eseguito in passato un’ecografia prostatica (o qualunque altro esame radiologico) in cui siano stati misurati i 3 diametri prostatici ma non и stato indicato il volume, potete usare questo strumento: inserite nei campi sottostanti il valore in centimetri dei 3 diametri prostatici (l’ordine di inserimento non и importante) e otterrete il volume della prostata espresso in centimetri cubici (cc).

I moderni ecografi – una volta misurati i 3 diametri della prostata – sono in grado di calcolare direttamente il volume prostatico.

  1. Diametro latero-laterale (LL)
  2. Diametro antero-posteriore (AP)
  3. Diametro cranio-caudale (CC)

La procedura piщ semplice, anche se non sempre precisissima, и costituita dalla visita medica urologica con esplorazione rettale. La palpazione prostatica consente all’urologo esperto di stimare in modo abbastanza attendibile il volume prostatico.

  • Nel paziente in cui si decide di avviare una terapia farmacologica ci si puт avvalere di farmaci in grado di ridurre il volume della prostata (o comunque di bloccarne la crescita), come la finasteride o la dutasteride(Avodart). Ovviamente questi farmaci hanno senso solamente nei pazienti con volumi prostatici critici.
  • Nel paziente in cui si decide di intervenire chirurgicamente la scelta del tipo di intervento и dettata principalmente dalla grandezza della prostata: pazienti con prostate di volume fino a 80-100 cc possono essere tranquillamente sottoposti ad interventi endoscopici meno invasivi (come la TURP: resezione prostatica transuretrale); per volumi prostatici superiori и necessario ricorrere ad interventi chirurgici tradizionali a cielo aperto (come l’APTV: adenomectomia prostatica transvescicale) oppure a particolari tipi di enucleazioni endoscopiche mediante laser (come la HoLEP: enucleazione prostatica con laser ad olmio).

Per rispondere a questa domanda riportiamo i risultati di uno studio epidemiologico eseguito in Europa e pubblicato sul Journal of Andrology nel 2013: in questo studio и stato misurato il volume prostatico in circa 1000 soggetti di etа compresa tra i 40 e gli 80 anni scelti in modo casuale nell’ambito di una popolazione di circa 100000 persone (e quindi indipendentemente dalla presenza o meno di sintomi urinari).
Il volume prostatico mediano calcolato in base all’etа и risultato:

Risponde il medico Dott. Riccardo Autorino

Risponde il medico Dott. Riccardo Autorino

L’IPB si associa a disturbi della sfera sessuale nell’uomo. Tali disturbi devono essere inquadrati comunque nello stato generale di salute del paziente (vedi altre patologie metaboliche evetualmente associate). La terapia per disfunzione erettile oggi ГЁ essenzialmente di tipo farmacologico, non chirurgico.

E’ possibile che possa causare anche disturbi erettivi? Si risolvono con un intervento?

Risponde il medico Dott. Francesco Sanguedolce

L’eiaculazione retrograda ГЁ un disturbo dell’eiaculazione che consiste in una mancata fuoriuscita del liquido seminale dall’uretra peniena (attraverso il meato uretrale esterno). La causa ГЁ rappresentata da una mancata chiusura del collo vescicale, con conseguente risalita del liquido seminale in vescica e la sua successiva eliminazione attraverso l’urina. Questa alterazione del meccanismo di chiusura del collo vescicale (causa dell’eiaculazione retrograda) ГЁ frequentemente una conseguenza di interventi disostruttivi prostatici sia chirurgici che endoscopici, eseguiti nella terapia dell’iperplasia prostatica benigna. Il liquido seminale viene quindi eliminato nel corso della minzione successiva al coito.
L’eiaculazione retrograda ГЁ una complicanza molto frequente di interventi endoscopici o chirurgici per iperplasia prostatica benigna. Tale condizione puГІ inoltre verificarsi in altre condizioni, ad esempio nel diabete mellito o associata all’assunzione di alcuni farmaci.
L’eiaculazione retrograda non ГЁ dolorosa nГ© pericolosa e non modifica il piacere sessuale ma determina infertilitГ .

Risponde il medico Dott. Davide Vaccino

l’intervento chirurgico alla prostata procura impotenza sessuale?

Risponde il medico Dott. Lorenzo Ruggera

You Might Also Like