Curare la Prostatite con le erbe

La varietà di cui sto parlando è l’Epilobium angustifolium, volgarmente chiamato “Garofano di bosco”. Si distingue dalle altre varietà per i suoi fiori collocati in lunghe spighe a forma piramidale. I petali sono di un colore acceso tra il rosa e il rosso purpureo, molto più grandi delle altre varietà sopra elencate. Cresce nelle radure, ai margini dei boschi e vicino i correnti d’acqua. Raggiunge dimensioni molto elevate superando anche il metro e mezzo.

Questo signore ha messo in piedi, diversi anni fa, un’associazione no-profit con il nome di Dulce Revolución, con lo scopo di coltivare diverse piante officinali e soprattutto di diffonderne l’utilizzo affinché i malati possano farne un uso consapevole per migliorare le proprie condizioni di salute. Tra le tante piante presenti nella sua serra in Catalogna, troviamo anche l’epilobio (Epilobium parviflorum).

Produttore: Azienda Agricola di Mauro Vallesi
Ingredienti: Epilobio Parviflorum fiori e foglie essiccate
Contenuto: 100 grammi
ACQUISTA

Josep, in una video-intervista, parla di questa piccola piantina elogiandone le proprietà medicamentose e asserendo di averla scoperta proprio grazie alla lettura del libro di Maria Treben “La salute dalla farmacia del signore“.

Grazie all’effetto inibitore delle prostaglandine, l’epilobio è raccomandato come antinfiammatorio anche per tutti i disturbi a carico della prostata, iperplasia prostatica benigna, infiammazione, prostatite acuta (infezione batterica) e altre infezioni. Dopo un intervento chirurgico calma i bruciori.

Tutte queste varietà di epilobio sono accomunate dal fiore molto piccolo, color rosa, rosa pallido o bianco.

L’epilobio è un prodotto ancora poco conosciuto e non è semplice da trovare, neppure in erboristeria. In ogni caso l’erboristeria resta il primo luogo in cui recarsi per acqustare la droga essiccata, o la tintura madre.

  • Epilobium roseum (Epilobio roseo);
  • Epilobium parviflorum (Epilobio a fiore piccolo);
  • Epilobium montanum (Epilobio di montagna);
  • Epilobium lanceolatum (Epilobio lanceolato);
  • Epilobium collinum (Epilobio di collina);
  • Epilobium palustre (Epilobio palustre);
  • Epilobium anagallidifolium (Epilobio anagallidifoglio);

Latte e derivati vanno eliminati

You Might Also Like