Epilobio: il rimedio in caso di prostatite e ipertrofia prostatica

La salute dalla farmacia del signore
Autore: Maria Treben
Pagine: 103
Note: Illustrato con disegni
ACQUISTA

Produttore: Azienda Agricola di Mauro Vallesi
Ingredienti: Epilobio Parviflorum fiori e foglie essiccate
Contenuto: 100 grammi
ACQUISTA

Il suo potere curativo è talmente grande che spesso libera di colpo da tutti i fastidi prostatici. Si è dato il caso di alcuni uomini che erano in attesa dell’operazione e che urinavano a gocce con grande difficoltà; bastava una sola tazza di tisana per farli migliorare. S’intende che la tisana va bevuta per un periodo prolungato per ottenere la guarigione.

Nel tempo la chirurgia e il farmaco sono andati a soppiantare i vari rimedi naturali che, nell’antichità, rappresentavano l’unico metodo conosciuto per far fronte ai malanni dell’uomo. Oggi, per via dei molteplici effetti collaterali che la chimica porta con se, la gente sta lentamente riscoprendo il valore di questi antichi rimedi.

Tra le varie piante il libro ci parla anche dell’epilobio.

La sig.ra Treben consiglia di bere due tazze al giorno di questo infuso, non una di meno, non una di più. Una tazza la mattina a digiuno, mezz’ora prima di fare colazione e una tazza la sera, sempre a digiuno, mezz’ora prima di fare cena.

Epilobium angustifolium: non va raccolto

  • Prostatite (infiammazione della prostata);
  • Ipertrofia prostatica benigna (prostata ingrossata);
  • Cistite;
  • Cancro della prostata;
  • Cancro della vescica.

Esistono diverse varietà di epilobio e purtroppo non tutte sono valide. Se il tuo intento è quello di utilizzare la piantina per preparare delle tisane, così come consigliato da Maria Treben, per curare le patologie a carico della prostata e/o della vescica, è importante non scambiare una specie per un’altra.

You Might Also Like