Epilobio: il rimedio in caso di prostatite e ipertrofia prostatica

Il suo potere curativo è talmente grande che spesso libera di colpo da tutti i fastidi prostatici. Si è dato il caso di alcuni uomini che erano in attesa dell’operazione e che urinavano a gocce con grande difficoltà; bastava una sola tazza di tisana per farli migliorare. S’intende che la tisana va bevuta per un periodo prolungato per ottenere la guarigione.

La salute dalla farmacia del signore
Autore: Maria Treben
Pagine: 103
Note: Illustrato con disegni
ACQUISTA

Tutte queste varietà di epilobio sono accomunate dal fiore molto piccolo, color rosa, rosa pallido o bianco.

L’epilobio (nella foto Epilobium Roseum) è una pianta da tempo nota nella medicina popolare per la cura di patologie a carico della prostata, come la prostata ingrossata (Ipertrofia prostatica benigna), la prostata infiammata (prostatite) e per il trattamento delle affezioni alle vie urinarie.

Josep, in una video-intervista, parla di questa piccola piantina elogiandone le proprietà medicamentose e asserendo di averla scoperta proprio grazie alla lettura del libro di Maria Treben “La salute dalla farmacia del signore“.

Ecco il video in cui l’agricoltore fornisce la sua personale testimonianza, definendonendola “una pianta benedetta per chi ha problemi alla prostata“.

Il consiglio è valido per tutti i gruppi sanguigni, incluse le persone di gruppo sanguigno B che soffrono di queste patologie e che in teoria, secondo la dieta del gruppo sanguigno, dovrebbero tollerare meglio i latticini.

Tra le varie piante il libro ci parla anche dell’epilobio.

Questo signore ha messo in piedi, diversi anni fa, un’associazione no-profit con il nome di Dulce Revolución, con lo scopo di coltivare diverse piante officinali e soprattutto di diffonderne l’utilizzo affinché i malati possano farne un uso consapevole per migliorare le proprie condizioni di salute. Tra le tante piante presenti nella sua serra in Catalogna, troviamo anche l’epilobio (Epilobium parviflorum).


CLINICA

L’ Adenomectomia prostatica a cielo aperto
può essere realizzata sia per via transvescicale che per via retropubica.( Fig.3 ) La scelta della tecnica a cielo aperto è abitualmente legata alle dimensioni della ghiandola prostatica. Le Linee guida Europee e quelle della AUA concordano nel consigliare questa tecnica per prostate di volume superiore a 80 – 100 ml.


Vaporizzazione prostatica trans uretrale (TUVAP)
La vaporizzazione transuretrale della prostata richiede l’utilizzo di un apposito elettrodo (rollerball) su di un comune resettore che determina una eliminazione tramite “vaporizzazione” del tessuto prostatico. Non esistono attualmente studi comparativi con le metodiche chirurgiche tradizionali

Sensazione di svuotamento incompleto (filling of incomplete emptying)
è un termine che si spiega da sè per indicare la sensazione avvertita dal soggetto dopo che l’urina è uscita.

TERAPIA MEDICA

– Infezioni urinarie ricorrenti

Sono disponibili studi per valutare l’efficacia del pygeum utilizzato sia da solo sia in associazione con altri fitoterapici. È stato osservato un miglioramento sintomatologico riferito dal 65% dei pazienti in trattamento attivo verso il 30% di quelli in trattamento con placebo. La nicturia è risultata ridotta del 19% ed il residuo postminzionale del 24%. Il flusso urinario massimo è aumentato del 23%.

– Ritenzioni urinarie ricorrenti

Fitoderivati

You Might Also Like