IL SEGRETO DELLA VITA IN UN GRANELLO DI POLLINE

I flavonoidi, potenti antiossidanti contenuti nel polline, contrastano l’insorgenza di malattie cardiovascolari, perché abbassano il colesterolo, stabilizzano e rafforzano i capillari, riducono le infiammazioni e combattono la formazione di radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cellulare. In particolare, la quercetina svolge un’azione immunomodulante ed è quindi molto utile nella cura dell’asma, di malattie polmonari croniche ostruttive, bronchiti, sinusite, raffreddore, febbre e allergia.

Successivamente necessita una lavorazione: i grani hanno due gusci esterni duri, che circondano i contenuti nutritivi morbidi. I migliori produttori di polline rompono delicatamente i grani prima di impachettarli. Il polline poi viene venduto in sacchetti di plastica o contenitori sigillati, che devono essere messi in frigorifero una volta aperti.

Circa la metà degli aminoacidi risultano particolarmente importanti per l’attività metabolica a livello cerebrale, perché forniscono un valido ed efficace apporto nutritivo per il sistema nervoso centrale. Questi principi nutritivi migliorano il metabolismo e potenziano il rendimento intellettuale, le funzioni psico-motorie e mnemoniche, fondamentali durante la preparazione di esami, e negli anziani.

Al contrario dei farmaci antibiotici, infatti, il polline non attacca direttamente gli agenti patogeni, ma piuttosto stimola e rinforza il sistema immunitario nei confronti di questi microrganismi, contribuisce a normalizzare la flora batterica (il 70 % delle nostre difese si trova qui!), regolarizzando le attività intestinali, regolarizzando episodi di stipsi e diarrea, favorendo la digestione e l’eliminazione dei gas intestinali.

Come tutti i prodotti naturali, queste sostanze variano a seconda della provenienza botanica del polline. Il polline è impiegato in fitoterapia come ricostituente perché è un alimento completo. Ricco di proteine (6-30%); aminoacidi (15-22%); lipidi (1-10%); acidi grassi insaturi e steroli; carboidrati (fino al 50% allo stato secco); zuccheri semplici (4-10%); acqua (12-20%); vitamine (vit.C, A, ac.pantotenico, ac.folico, complesso B); enzimi; ormoni; fattori antibiotici; sali minerali (ferro, calcio, magnesio potassio e zinco) e flavonoidi. Nel nucleo della sua cellula, il polline racchiude il segreto della vita: le molecole DNA e RNA che stabiliscono la funzione vitali di tutte le cellule. Grazie a queste sostanze rafforza e nutre l’intero organismo, combatte gli stati di affaticamento psicofisico rivelandosi un ottimo adattogeno e antiossidante.

Il polline, come la serenoa, è un rimedio efficace per l’ipertrofia prostatica benigna, grazie alla presenza dei bioflavonoidi che svolgono un’azione antinfiammatoria e inibitrice della crescita del tessuto della prostata, in grado di ridurre il dolore, la congestione e il rischio di cancro alla prostata. La rutina tonifica i capillari, aiutando le vene varicose, l’insufficienza venosa, le emorroidi e l’ipertensione.

Alcuni pollini sono leggeri, asciutti, e destinati a essere dispersi dal vento. Questi sono responsabili delle più comuni allergie o raffreddori da fieno. Altri pollini sono più pesanti e appiccicosi, si disperdono con difficoltà per cui è più difficile esserne allergici, si attaccano agli insetti che visitano le piante, come fossero dei microscopici “autostoppisti”, e da loro si fanno trasportare, permettendo la riproduzione di quelle piante.

Il polline, infatti, è uno degli ingredienti della dieta delle api. Costituito dalle cellule germinali maschili delle piante (le spermatofite), si presenta come una polvere fine di colore giallo o marrone chiaro. Le api operaie, viaggiando di fiore in fiore, raccolgono il polline in speciali “ceste” poste sulle loro zampette.

Raccolto dalle “api bottinatrici” principalmente al momento della nascita delle larve, il polline si ottiene utilizzando speciali reti poste in prossimità delle arnie: le api raccolgono più di quello che serve all’alveare, per cui gli apicoltori hanno inventato degli schermi per grattare questa sostanza dal loro corpicino mentre entrano nell’alveare. Si presenta sottoforma di granuli morbidi e malleabili, e con un profumo e sapore fiorito, dolce, simile al miele grezzo. Il caratteristico sapore “fiorito” del miele, infatti, è dovuto alle piccole quantità di polline presenti.

HERPES GENITALIS Si localizza sul pene e sullo scroto, raramente all’interno del canale urinario, i primi segni sono prurito, intorpidimento del pene, si ha una sensibilizzazione alla zona dell’inguine e dei testicoli, si avverte un senso di stanchezza e di malessere generale, nelle donne, l’ HSV (herpes simplex vaginale ) si localizza nella zona circostante l’ingresso della vagina, con senso di prurito e di intorpidimento nella parte superiore ed interna delle cosce, si puт avere mal di testa, febbre e sensazione di malessere, di solito l’infezione si diffonde anche all’interno della vagina, con irritamento e perdite acquose, le zone interessate sono le grandi e le piccole labbra, il clitoride e la zona anale. In genere la causa scatenante и lo stress, che fa abbassare le difese immunitarie, oppure ci possono essere cause psicologiche, come la stanchezza, la mancanza di sonno, la febbre, l’abuso di farmaci, alcol, caffeina, una alimentazione squilibrata. E sempre necessario consultare, ai primi sintomi, il proprio medico di fiducia.
FITOTERAPIA ERBE HERPES GENITALIS

Uncaria Tomentosa , per alzare le difese immunitarie, l’ Echinacea , il Ribes Nigrum , per il processo infiammatorio se non si soffre di pressione alta,il Tiglio per il senso di nervosismo e di tensione, un integratore di Vitamine e minerali la Rosa Canina , per alzare le difese immunitarie. Di solito il virus dell’herpes genitalis rimane latente nei gangli nervosi senza dare alcun sintomo per anni salvo manifestarsi quando le difese immunitarie si abbassano, il Tarassaco e l’ Amaro Tonico o la Bardana , la Betulla sono utili come depuratori generali dell’organismo , l Aglio , ha delle ottime proprietа antivirali, di aiuto anche il Lievito di Birra , il Germe di Grano , per il loro alto contenuto in zinco, evitare nella alimentazione il cioccolato, le arachidi e la frutta secca, e tutti i frutti acidi come l’ Ananas ed il Limone . Consulta sempre un erborista esperto.

IMPOTENZA TOTALE E’ caratterizzata dalla assenza di qualsiasi risposta erettiva, anche dopo il sonno notturno, dalla assunzione di farmaci che contengono nitroderivati prescritti in caso di cardiopatie o di angina pectoris, oppure nei casi di malattie cardiache o di serie alterazioni neurologiche. Ci possono essere cause vascolari arteriose e venose, floglosi delle vie genitali, cause meccaniche, cause endocrine, cause per abuso da farmaci, ipertensione. Se l’impotenza и causata dal restringimento di una arteria del pene, si interviene chirurgicamente con un by pass, Contribuiscono notevolmente all’impotenza, il fumo , il colesterolo alto, l’ipertensione, lo stress , il diabete. Sono utili le stesse erbe per l’erezione, ma in questi casi come negli altri, consultare sempre un andrologo e uno medico affinchи vengano indagate le cause profonde, in quanto in ogni caso episodi di impotenza sono sempre spie di problematiche piщ serie.
ANSIA DA PRESTAZIONE E’ caratterizzata dalla preoccupazione di non essere sufficientemente esperti, di non avere le giuste dimensioni, questo tipo di ansia porta spesso alla ejaculazione precoce. L’ansia non и una emozione negativa, pensiamo allo stato di eccitazione erotica che ne deriva nel fare l’amore in luoghi e condizioni non comuni, in quei casi l’ansia gioca un ruolo stimolante ed eccitante, donandoci giusti tempi di emozioni erotiche.
FITOTERAPIA ERBE ANSIA DA PRESTAZIONE

Le erbe utili sono la Genziana la Verbena , e altre erbe per l’ansia giа citate sopra, il Composto Tonificante, l’ Eleuterococco , il Ginkgo, il Guaranа , la Pappa Reale , l’ Iperico , il Ginseng , la Damiana, l ‘ Escolzia , la Lecitina , il Composto alla Lecitina , la Maca , e tante altre erbe, consulta un erborista esperto, o un naturopata.

QUESTE NOTE NON INTENDONO IN ALCUN MODO SOSTITUIRSI AL PARERE MEDICO
CHE VA CONSULTATO IMMEDIATAMENTE ALL’INSORGENZA DEI PRIMI SINTOMI
MAI INTERROMPERE ARBITRARIAMENTE LE TERAPIE DEL VOSTRO MEDICO

OLIGOELEMENTI PER LEI
Nei casi di squilibrio della funzione ormonale, и bene assumere preparati a base di rame, manganese, cobalto, nichel, zinco, selenio, cromo, vitamina E.

Impotenza ed Erbe disturbi sessuali e Fitoterapia

FITOTERAPIA PER LUI ERBE PER LA DIMINUZIONE DELLA LIBIDO
Le erbe officinalis, toniche, le piante, i prodotti naturali, sono i migliori integratori (quando non ci sono patologie funzionali gravi che richiedono assolutamente l’intervento medico) in quanto normalmente sono esenti da effetti secondari, sempre che vengano assunte secondo le dosi indicate e in relazione allo stato fisico generale della persona, e consigliate da un erborista esperto, per lui sono essenzialmente utili : il Ginseng , usato da millenni in Cina e consente tra le sue innumerevoli proprietа, un maggior afflusso di sangue nel pene contiene inoltre molte sostanze vitaminiche e stimolanti che migliorano la performance fisica ed intellettuale, aiuta ad avere una maggiore resistenza alla fatica, allo stress, al surmenage, и afrodisiaco in quanto agisce sulle ghiandole sessuali, ma attenzione all’abuso perchй potrebbe causare una sovraeccitazione dannosa a tutti i livelli. la Damiana , la Muira Puama (che tradotta significa, legno forte ) e il Gingko biloba agiscono sulla circolazione sanguigna, e quindi migliorano l’afflusso del sangue al pene, e la L- Arginina, che и un aminoacido che stimola la produzione dell’ossido nitrico come il Viagra, aiuta a mantenere l’erezione, ma senza effetti collaterali, dato che lo ritroviamo presente in molti alimenti, come nell’aglio, nel ginseng, nella cioccolata, nei cereali, nelle noci. La Damiana che cresce in Messico, nel Texas, nella California, ha spiccate proprietа psicostimolanti, agisce sul sistema nervoso centrale inviando segnali ai tessuti, la Noci Kola anche и un ottimo stimolante. Esistono anche pastiglie a base di Yohimbina , che si estrae dalla corteccia dello Yohimbee, che neutralizza a livello dei tessuti del pene, l’azione negativa delle catecolamine, gli ormoni dello stress, la Yohimbina va prescritta solo dal medico puт indurre disturbi circolatori, e cali di pressione in quanta dilata non solo i vasi sanguigni della zona del pene. L’ Olio di Enotera , и ricco di acidi utili alla formazione delle prostaglandine, che sono sostanze vasoattive, e si usa nei problemi di tipo ormonale nella impotenza maschile e nella frigiditа femminile, Il Germe di Grano il Lievito di Birra, la Lecitina di Soia, essendo essenzialmente ricchi in zinco, e non solo, sono adatti per la fertilitа e alla potenza sessuale maschile .Utile l’ Aglio , il Ribes Nigrum , che stimola le ghiandole corticosurrenali, il Rosmarino, che tonifica la mente ed il corpo, l’ Eleutherococco, che и una pianta adattogene e che fornisce una risposta ottimale alle sollecitazioni esterne, и un ottimo rimedio antistress. La Sequoia Gigantea , ha una azione energetica, antidepressiva e stimolante, и il tonico della terza etа, il Quercus Peduncolata , aiuta nella carenza surrenalica ed и un ottimo tonificante, utile nella stanchezza e nella senescenza precoce . L’ Iperico insieme ancora al Ginseng , al miele ed al Guaranа , aiuta quando i problemi sono di natura depressiva. Il Guaranа considerato la fonte di giovinezza. Fieno Greco , una leguminosa rivitalizzante.

impotenza problemi sessuali erbe fitoterapia erboristeria naturopatia cura naturale erbe piante cura olistica sto web originale anna zelli

OLIGOELEMENTI PER LUI Sono essenziali per i testicoli e per l’apparato genitale maschile e per la prostata, lo zinco-rame, ed il cromo, che andranno integrati dalla assunzione di selenio, e vitamina E.

DOLORE PELVICO La dispareunia, и il dolore pelvico che la donna prova quanto il partner la penetra con il pene, o le dа dei colpi sulla cavitа vaginale, spesso questo dolore и associato alla secchezza della mucosa vaginale, oppure a cause organiche, come alla presenza di una vaginite, o di cisti della ghiandola di Bartolino, o ad una endiometriosi, o da cicatrici pelviche. E bene fare controlli ginecologici ed affidarsi al proprio medico per indagare a fondo le cause del problema.
FITOTERAPIA DOLORE PELVICO
Lievito di Birra e olio di Germe di Grano, che oltre alle vitamine del gruppo B e della Vitamna E benefiche per l’organismo, contengono anche zinco, Rosa Canina , il Ginseng aiuta nella secchezza pelvica, In presenza di dolore assumere Artiglio del Diavolo.

AVVERTENZE: Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni. Non superare la dose giornaliera consigliata. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata. Non assumere durante la gravidanza.

Il polline e’ costituito da strutture microscopiche alle quali le piante affidano il trasporto delle proprie cellule germinali. E’ composto prevalentemente da proteine, glucidi e vitamine.
Le api lo raccolgono e lo utilizzano soprattutto per l’alimentazione delle api piu’ giovani quale unica fonte di proteine concentrate, nonche’ di tutti gli altri principi attivi.
Per l’uso alimentare il polline naturale viene essiccato e conservato senza alcun trattamento.

Senza Glutine e senza Salicina.

usato nel trattamento del cancro – vari studi sono stati fatti in proposito: estratti standardizzati di polline sono stati valutati un trattamento efficace per l’ingrossamento della prostata e la prostatite in test clinici a doppio cieco e con controllo placebo. Non si sono verificati effetti collaterali significativi. Il polline contiene licopene, beta-sisterolo e numerosi flavonoidi che hanno dimostrato un’azione nell’inibire la crescita di tessuto della prostata e nel ridurre il dolore, l’infiammazione e il rischio di cancro alla prostata. Topi a cui sono stati impiantati carcinomi polmonari sono sopravvissuti quasi il doppio di tempo se curati con estratti di polline rispetto ai gruppi di controllo non trattati. Il polline aumenta anche l’efficacia delle cure di chemioterapia se somministrato contemporaneamente. Al contrario delle medicine, il polline non attacca direttamente il tumore, ma piuttosto stimola il sistema immunitario .

Controindicato in caso di: ulcera; gravi forme di gastriti, ipertensione arteriosa e insonnia.

corregge e regola gli squilibri endocrini

Da sempre, poi, questa sostanza и stata impiegata sottoforma di unguento e pomata come cicatrizzante e disinfettante grazie alla notevole capacitа di stimolo della rigenerazione dei tessuti in caso di ferite e piaghe. Sempre grazie all’azione dei flavonoidi che irrobustiscono le pareti capillari, infine, la propoli svolgerebbe un’azione di prevenzione della permeabilitа e fragilitа capillare.

Il polline delle api venduto in granuli и di solito il meno lavorato. I granuli dovrebbero essere morbidi e malleabili, e con un profumo e un gusto fiorito e dolce, simile al miele grezzo. Il caratteristico sapore “fiorito” del miele grezzo и dovto alle piccole quantitа di polline nel miele. Una certa lavorazione del polline и necessaria perchй i grani di polline hanno due gusci esterni duri che circondanto i contenuti nutritivi. I sistemi digestivi delle api sono progettati per far fronte a questi gusci, ma quelli degli umani, dei gatti, e dei cani no. Di conseguenza, i migliori produttori di polline rompono delicatamente i grani prima di impachettarli. Il polline venduto in sacchetti di plastica deve essere sempre tenuto in frigorifero; i contenitori sigillati devono essere messi in frigorifero una volta aperti. Il polline fresco grezzo и in effetti un prodotto fresco, e deve essere trattato come tale.
I granuli possono essere incapsulati, pressati in compresse o in tavolette masticabili o finemente macinati per essere usati in cibi e bevande ( fonte: anagen.net/polli.htm ).

POLLINE IN GRANI
Barattolo da 250 grammi
Prezzo: Ђ 22,00

Per la salute delle persone che ami

You Might Also Like