Infezioni delle vie urinarie: cause, sintomi e rimedi naturali

Tra gli oli essenziali consigliati per la cistite e per altre infezioni urinarie troviamo l‘olio essenziale di sandalo e l’olio essenziale di santoreggia. La farmacista francese Denièle Festy in “La mia Bibbia degli oli essenziali” (Edizioni Sonda, 2013) suggerisce di applicare 2 gocce di olio essenziale di sandalo sul basso ventre 3-5 volte al giorno per 5 giorni.

Altre cause riguardano predisposizioni genetiche e patologie associate a questo tipo di infezioni, tra le quali troviamo non soltanto il già citato diabete ma anche il prolasso uterino o vescicale, la presenza di cateteri e l’utilizzo di anticoncezionali come il diaframma che possano alterare la flora vaginale.

Le infezioni delle vie urinarie vengono ricollegate solitamente alla presenza dei agenti patogeni nelle urine. Vi sono infezioni che possono riguardare le basse vie urinarie, come cistiti, uretriti e prostatiti, o le vie urinarie superiori, con pielonegriti e cirtopieliti (più rare).

Infezioni delle vie urinarie inferiori: uretrite per quanto riguarda l’uretra e cistite per quanto riguarda la vescica: si tratta delle forme meno gravi e spesso di facile risoluzione.

Uno dei più popolari rimedi della nonna da applicare in caso di cistite e di piccole infezioni delle vie urinarie riguarda la preparazione di un infuso di malva essiccata o di un decotto di malva fresca da bere al momento del bisogno, quando si avvertono bruciore alle vie urinarie e stimolo frequente alla minzione. Potrete acquistare la malva essiccata in erboristeria, dove chiedere maggiori informazioni sulla preparazione e sull’assunzione della tisana.

I rimedi naturali relativi alle infezioni delle vie urinarie riguardano i problemi più lievi e comuni, come nel caso della cistite. Chi sceglie di curarsi con rimedi naturali deve rivolgersi ad un esperto in materia, chiedendo, ad esempio, suggerimenti al proprio erborista di fiducia, oltre che al medico. Le seguenti indicazioni sono semplici spunti e non sostituiscono il parere di medici ed esperti.

Tra i suggerimenti per infezioni delle vie urinarie come la cistiti, la fitoterapia indica di assumere 50 gocce di Uva ursi TM (tintura madre) in un grande bicchiere d’acqua al risveglio e 50 gocce di Calluna vulgaris TM in un grosso bicchiere d’acqua prima di pranzo (Cfr. “Rimedi semplici e naturali”, Giunti Demetra, 2009)

In erboristeria potrete chiedere maggiori informazioni riguardo ai rimedi naturali per le infezioni delle vie urinarie a base di mirtillo rosso americano, conosciuto anche come Cranberry. Gli estratti di mirtillo rosso americano vengono utilizzati, ad esempio, per la preparazione di compresse a base di ingredienti naturali utili da assumere in caso di cistite e piccole infezioni delle vie urinarie.

5) Erboristeria

Per saperne di più.

Essa può essere un evento occasionale causato da una terapia antibiotica o da un eccezionale affaticamento psico-fisico, ma può anche manifestarsi in forma cronica, con sintomi più intensi e più prolungati e con ripetute ricadute.

Partiamo con il dire che quando si avvertono i sintomi che possono essere riconducibili alla cistite, sarebbe opportuno anzitutto consultare il medico e, se necessario, praticare le analisi delle urine, o l’urinocoltura.

Anche per questi rimedi naturali è opportuno consultare il proprio medico. Alcune piante infatti, potrebbero risultare controindicate a causa di allergie, o controindicazioni legate a particolari momenti, come la gravidanza.

Anzitutto, per non incorrere nel fastidioso disturbo occorre seguire una corretta alimentazione:

Cosa serve.

Mettere il recipiente nella vasca da bagno e riempirlo con acqua alla temperatura di circa 30 gradi.Immergere i piedi e dopo circa 10/15 minuti aumentare la temperatura dell’acqua gradatamente fino a raggiungere i 40/43 gradi.Asciugare i piedi e riposare per una mezz’ora.

  • evitare la permanenza di oggetti in vagina come assorbenti interni e spirali,
  • curare molto l’igiene intima;
  • evitare l’utilizzo di sostanze chimiche non dermatologicamente testate ed invasive;
  • evitare biancheria colorata e sintetica, pantaloni e calze strette;
  • riposare ed evitare rapporti sessuali fino alla completa guarigione;
  • non trattenere l’urina.
  • evitare dolci, cibi piccanti o molto salati, caffeina ed alcol, che possono agire come irritanti;
  • consumare cibi ad azione antinfiammatoria come ribes, mirtilli, carciofo,finocchio;
  • bere il più possibile, almeno 2 litri d’acqua al giorno, perchè facilita la diuresi; infatti, più a lungo l’urina sta nella vescica e più i batteri aumentano.
You Might Also Like