Lobo medio prostatico

-Snomed:
T-92111 M-09410 M-73260 M-40000 D7-51200
T-92112 M-81403 G-F007

Salve egregi dottori, ringraziandovi della disponibilità che mi date, riporto, a distanza di 3 mesi, il “calvario” di questa operazione all’ospedale civile di Caserta.
Prima delle operazione nessun medico ha fatto fare una scintografia o tac. Durante l’operazione si sono resi conto che il tumore era piu esteso del previsto (previsto dalla sola biopsia). Dopo l’operazione, il chirurgo ci ha comunicati che il tumore aveva “toccato” anche una vescicola seminale.
Ora mio padre è sottoposto ad una cura ormonale e sta facendo gli esami necessari per la Radioterapia.
Dalla tac del torace, fatta circa 10 giorni fa(e, ripeto, non prima dell’operazione), è stata trovata una massa estranea al livello dei polmoni (un altro problema).
Proprio ora ho tra le mani il risultato della risonanza magnetica che dice:
“In loggia prostatica, in corrispondenza dell’inserzione del muscolo otturatorio interno di sinistra si apprezza are di addensamento tissutale caratterizzata da discreta impregnazione postcontrastografica del diametro max di 3cm x 1.5cm, associata ad area di alterata intensità ed impregnazione post contrastografica della branca ischiopubica sinistra. Il reperto merita follow-up. Vescica discretamente distesa a contenuto omogeneo.”

-Quesito diagnostico:
K prostata?

-Descrizione Macroscopica:
A)Lobo Destro: quattro frustoli agobioptici
B)Lobo Sinistro: quattro frustoli agobioptici

Sono appena riuscito a rintracciare(via cellulare) il mio urologo. Ha detto che bisogna fare al più presto un prostatectomia radicale (cioè rimuovere completamente la prostata?!), la stessa cosa mi è stata detta quando ho ritirato i risultati della biopsia all’opedale civile di Caserta.
Questa cosa mi fa provare un senso di tristezza verso mio padre.
E’ questa l’unica soluzione? Come sarà la vita di mio padre dopo la rimozione della prostata?

Ammetto che siamo un po’ preoccupati, al piu’ presto andremo a visita dal nostro urologo/andrologo che nel fine settimana non è rintracciabile.
Nel frattempo vi chiedo gentilmente un parere. In particolare, potreste per favore consigliarmi se è necessario fare altre esami e magari che cura è migliore in questo caso?
Ringraziandovi anticipatamente, vi porgo
Cordiali Saluti.

-Notizie cliniche:
PSA 12,10; alla esplorazione digito-rettale nodulo irregolare al lobo sinistro.

Salve, mi chiamo Luigi e scrivo dalla provincia di Caserta.
Mio padre ha appena ricevuto i risultati della biopsia alla proposta. Riporto di seguito la diagnosi.
-Data prelievo: 12/02/2008
-Età: 62 anni
-Data referto: 18/02/2008
-Natura e sede prelievo:
Biopsie EcoGuidate della propostata: A)Lobo Destro – B) Lob Sinistro.

Caro lettore,
il problema oncologico di suo padre deve essere per forza attentamente rivalutato in diretta dal suo urologo . L’urologo poi vi indicherà tutto il complesso iter diagnostico che si esegue in presenza di una neoplasia prostatica. Alla fine, con tutti gli esami fatti ed il quadro clinico a disposizione definito, vi verrà suggerita la soluzione terapeutica più mirata e corretta.
Un cordiale saluto.

Risponde il medico Dott. Giulio Milanese

L’eiaculazione retrograda ГЁ un disturbo dell’eiaculazione che consiste in una mancata fuoriuscita del liquido seminale dall’uretra peniena (attraverso il meato uretrale esterno). La causa ГЁ rappresentata da una mancata chiusura del collo vescicale, con conseguente risalita del liquido seminale in vescica e la sua successiva eliminazione attraverso l’urina. Questa alterazione del meccanismo di chiusura del collo vescicale (causa dell’eiaculazione retrograda) ГЁ frequentemente una conseguenza di interventi disostruttivi prostatici sia chirurgici che endoscopici, eseguiti nella terapia dell’iperplasia prostatica benigna. Il liquido seminale viene quindi eliminato nel corso della minzione successiva al coito.
L’eiaculazione retrograda ГЁ una complicanza molto frequente di interventi endoscopici o chirurgici per iperplasia prostatica benigna. Tale condizione puГІ inoltre verificarsi in altre condizioni, ad esempio nel diabete mellito o associata all’assunzione di alcuni farmaci.
L’eiaculazione retrograda non ГЁ dolorosa nГ© pericolosa e non modifica il piacere sessuale ma determina infertilitГ .

Risponde il medico Dott. Riccardo Autorino

alla fine di dicembre u.s. ho avuto un’infezione urinaria di una certa rilevanza tanto che trattato inizialmente con ciproxin 500mg due cp al dГ¬ per 6 gg. senza risultati apprezzabili, il medico di base ha ritenuto opportuno modificare la terapia con inezioni di Gentalyn 80.Dopo qualche giorno i sintomi sono scomparsi.A distanza di una decina di giorni ho effettuato le analisi delle urine con urinocoltura con il risultato di : nessun sviluppo di germi aerobi e lieviti mentre l’analisi biochimica presenta tracce di Emoglobina e Urobilina.
Il PSA ha un valore di 6,98 ng/ml e FPSA 1,01 e il rapporto FPSA/PSA = 14,4 quindi al disotto della norma.
Sono in attesa per una ecografia prostatica progammata per il 20-02-08.
Alla luce di quanto sopra, temo che l’Urologo potrebbe ritenere opportuno sottopormi ad una biopsia prostatica; secondo Lei, alla luce delle informazioni fornite, e’ un esame necessario? La mia domanda ГЁ: Esistono delle diagnostiche alternative non invasive come la biopsia ma capaci di dare certezza sulla presenza o meno di un tumore alla prostata.
Da internet sono risalito ad un sito straniero dove menzionano per una diagnosi certa al 99% una indagine ecografica prostatica transrettale con UROSONOGRAFIA C.A.D. a colore. Ecco Vi pregherei di meglio informarmi nei dettagli di questa metodologia di indagine e se essa viene praticata su tutto il territorio nazionale.

Caro Signore,
soltanto l’intervento chirurgico per cancro della prostata (l’intervento di chiama prostatectomia radicale) puГІ mettere a rischio l’erezione. Gli interventi chirurgici per il semplice ingrossamento della prostata, cioГЁ per curare la cosiddetta ipertrofia prostatica benigna, non determinano nessun rischio di impotenza sessuale.

Oltre al valore generale del PSA, sarebbe opportuno conoscere il valore del rapporto PSA libero su totale.
Questo innalzamento del PSA (passato da 6,7 a 7,2 in un anno) potrebbe essere la conseguenza di un ulteriore incremento del volume della sua prostata. Le consiglio di ripetere il dosaggio del PSA con rapporto libero/totale tra 6 mesi, con una successiva visita urologica ambulatoriale

L’ASSOCIAZIONE FRA ALFA LITICO (IN QUESTO CASO XATRAL) E INIBITORI DELLA 5 ALFA REDUTTASI (IN QUESTO CASO AVODART) ГЁ LA TERAPIA FARMACOLOGICA CHE GARANTISCE I MIGLIORI RISULTATI

Ho 61 anni;il valore del PSA ГЁ di 15.2 e quello libero ГЁ di 2,64.Il valore si mantiene costane giГ da diversi anni. Ho gia fatto tre Biopisie e mi ГЁ stata diagnosticata una infiammazione benigna. Il problema ГЁ la necessitГ di urinare spesso.Allo scopo di migliorare i tempi di urinamento e soprattutto evitare questi controlli (torture)annuali, Vorrei avere informazioni sui possibili interventi risolutivi del problema e le eventuali controndicazioni e/o rischi sui possibili interventi chirurgici.

mi hanno diagnosticato una IPB, la cura che mi ГЁ stata prescrittasono una compressa di xatral per tutta la vita e una compressa di Avodart per tre mesi.E’una cura appropriata grazie

You Might Also Like