Prostatite: sintomi, cause, cure e rischi della prostata infiammata

Prostatite batterica acuta. E’ conseguente ad una infezione batterica acuta ossia che insorge in maniera improvvisa con sintomatologia severa e che dopo un tempo ragionevolmente breve subisce remissione. I batteri che più comunemente possono causarla sono: Escherichia Coli, Enterococchi, Klebsiella, Pseudomonas, Proteus, Stafilococco, etc.

I farmaci che comunemente vengono prescritti sono:

Spasmi della muscolatura della ghiandola prostatica provocati da ansia e condizioni di disagio psichico.

Il trattamento della prostatite è strettamente dipendente dall’eziologia della malattia ossia dalle cause che l’hanno prodotta.

Agopuntura. Consiste nell’introdurre lungo particolari linee aghi a varie profondità. E una tecnica che si richiama alla medicina tradizionale cinese e che sembra fornire buoni risultati per controllare i sintomi.

Esame obiettivo. Ossia tutte le manovre che consentono di valutare la presenza di segni della malattia. All’esame obiettivo appartiene l’esplorazione rettale. Ossia la valutazione del volume, congestione e dolenzia della prostata palpandola attraverso il retto. L’esame si effettua introducendo nel retto un dito ed esplorando i contorni della ghiandola.

Alfa bloccanti. Sono utilizzati per tenere sotto controllo e lenire i sintomi urinari. Essi infatti hanno la proprietà di rilassare i muscoli prostatici e del collo della vescica favorendo un miglior deflusso delle urine.

Infezione di microrganismi che non sono batteri, i più comuni sono: Clamidia e Mycoplasma.

Traumi provocati da sforzi intensi o pratica sportiva usurante.

In ogni modo, i sintomi che vengono avvertiti, indipendentemente dall’entità dei sintomi stessi, permettono di effettuare una corretta diagnosi di prostatite e di intraprendere un trattamento adeguato; il trattamento contro la prostatite, in genere, comprende anche rimedi che aiutano ad alleviare i sintomi associati a questo disturbo.

La diagnosi corretta della prostatite è estremamente importante, in quanto il trattamento da intraprendere è diverso a seconda del tipo di prostatite che viene diagnosticato; è necessario, quindi, saper distinguere i sintomi della prostatite dai sintomi di altre infezioni dell’apparato urinario e, in secondo luogo, saper distinguere i sintomi di una determinata forma di prostatite dall’altra. In alcuni casi, per effettuare la diagnosi della prostatite, il medico si basa sull’analisi dei sintomi, sulla storia medica del paziente e su una visita medica, mentre, in altri casi, possono essere necessari test diagnostici, che permettono di confermare l’ipotesi circa la prostatite.

La prostatite batterica cronica è un disturbo appunto di origine batterica, i cui sintomi sono simili a quelli della prostatite batterica acuta, tuttavia i sintomi sintomi di questo disturbo sono più lievi e si sviluppano gradualmente; la prostatite batterica cronica può colpire le persone di tutte le età, sebbene sia più comune negli uomini giovani e negli uomini di mezza età. Questo disturbo viene definito cronico, in quanto è causato da infezioni ricorrenti del tratto urinario.

I principali sintomi della prostatite cronica non batterica sono la difficoltà nell’urinare, il dolore avvertito durante la minzione e, più in generale, in corrispondenza dell’area pelvica; in alcuni casi, i sintomi della prostatite cronica non batterica non riescono ad essere distinti dai sintomi della prostatite cronica di origine batterica.

In secondo luogo, il medico può richiedere alcuni test diagnostici che permettono di confermare la diagnosi di prostatite, tuttavia non sempre questi esami vengono richiesti; per confermare la diagnosi, inoltre, il medico può fare riferimento ad un urologo, ovvero ad uno specialista nelle malattie del tratto urinario e dell’apparato genitale maschile.

I sintomi della prostatite batterica acuta si manifestano improvvisamente ed in forma piuttosto acuta; i sintomi più frequenti di questo disturbo sono la sensazione di bruciore durante la minzione, la difficoltà nell’atto di urinare e, in alcuni casi, la febbre ed i brividi.

I sintomi della prostatite batterica cronica possono manifestarsi episodicamente, vale a dire che si alternano periodi durante i quali i sintomi si acuiscono e periodi durante i quali i sintomi non vengono neppure avvertiti.

La forma meno comune di prostatite è la prostatite batterica acuta, un disturbo che può colpire le persone di tutte le età; questo tipo di prostatite è, molto probabilmente, il più facile da diagnosticare, in quanto si manifesta con sintomi e segni ben riconoscibili.

I sintomi della prostatite batterica acuta associati a quasi tutte le forme di prostatite sono il dolore avvertito durante la minzione e la difficoltà nell’urinare, tuttavia l’infezione batterica associata alla prostatite acuta che, in genere, è una infezione di tutto il tratto urinario, può causare la comparsa di sintomi insoliti, quali la febbre ed i brividi.

You Might Also Like